Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Tecnologia e tecnica astronomica »TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA »Sviscerare un LX200
Author Topic: Sviscerare un LX200 (25 messages, Page 1 of 2)

daniela
--
Posts: 515
Joined: Sep 25, 2008

Maxproject Team


Posted: Apr 26, 2009 05:31 PM          Msg. 1 of 25
Iniziamo con questo post la pubblicazione di una serie di messaggi sullo smontaggio e messa a punto di un LX200 Meade. Ringraziamo Tom Krajci per questo post e i successivi, riprodotti e tradotti con gentile concessione dell'autore; pubblicati per la prima volta sul gruppo yahoo Meade-Uncensored.


Un LX-200 Classic 12" con un pesante mirror flop (5-7 minuti d'arco). Che fare? Smontarlo e riparare i difetti meccanici.

E difetti meccanici ce ne sono in abbondanza.

Vedere le foto e le relative didascalie a http://tech.groups.yahoo.com/group/Meade-Uncensored/files/LX200-OTA-disassembly/

Meade incolla i propri OTA. Si deve scaldare tutto per staccare la colla, far forza con un martinetto, o magari battere un pochino con un martello gommato. Non c'e' bisogno di scaldare la vernice al punto che si formino delle bolle, ma puo' essere che si scolori un pochino.

La prima cosa che noto e' un grosso anello di ferro incollato alla culatta. E' un contrappeso.... presumo per mantenere corti i bracci della forcella. Mi liberero' di questa stupida trovata. Intendo mettere un CCD, ruota portafiltri, e fuocheggiatore esterno dietro al telescopio. Il contrappeso affaticherebbe solamente i cuscinetti inadeguati della forcella, oltre ad aggiungere massa dietro al primario con la relativa inerzia termica. Addio anello di ferro.......

Intendo anche praticare dei fori per la ventilazione nella culatta. Gli SCT hanno proprieta termiche orribili e ci vuole un'eternita' perche' vadano in equilibrio termico.

Restate in ascolto. Man mano che trovo problemi e mi ci confronto, postero' foto e commenti.


Nota: Vi invitiamo a iscrivervi a MeadeUncensored, una lista piena di informazioni interessanti e discussioni utili, se non siete ancora iscritti e se vi interessa l'argomento; per la comodita di tutti posteremo le foto anche qui nei prossimi giorni.

Daniela

"L'essenza della liberta' e' la matematica"

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Apr 26, 2009 05:36 PM          Msg. 2 of 25
Interessantissima questa iniziativa di postare una analisi accurata di un prodotto di massa, ingustamente strapagato in Europa, e che comunque dimostra a che livelli di tecnologia delle patate siano arrivati questi progettisti.
Ogni minuto (e questo ci da un'idea del costo reale e dei margini e del perchè il marchio stia andando in malora) speso per assemblare lo strumento è prezioso. Perciò si incolla, tanto il cliente è sicuramente convinto di aver acquistato un prodotto di fascia alta, grazie ad un marketing martellante quanto fantasioso.
Maxproject

0

daniela
--
Posts: 515
Joined: Sep 25, 2008

Maxproject Team


Posted: Apr 27, 2009 10:27 PM          Msg. 3 of 25
[Sulla lista Meade-Uncensored, un operatore commerciale (che offre servizio di "messa a punto" di catadiottrici commerciali) sconsiglia di effettuare queste operazioni e inoltre asserisce che non esistono tubi in carbonio nelle dimensioni dei Meade LX-200]
Interessante affermazione. Lei e' a conoscenza di tutti, ripeto, tutti, i produttori di fibra di carbonio in tutti gli Stati Uniti? ... e sa cio' che sono in grado, e cio' che non sono in grado di produrre?
Ho parlato a un produttore e mi ha chiesto le misure.
Io lo chiamerei un segnale incoraggiante. Lei che ne dice?

Nota di NortheK: possiamo produrre questi tubi senza nessun problema nel caso decidiate di rivolgervi a noi.

[L'utente di cui sopra paventa danni irreversibili a entrambe le celle se si rimuove l'incollaggio]
Ora che ho smontato l'OTA e posso guardare la cella frontale e quella posteriore.... son dei pezzi di fusione in alluminio assai massicci. Se Le cadessero sul piede.... Lei va in ospedale.... i pezzi restano intatti ;-)

[Lo stesso utente dichiara che Tom e' stato fortunato a non danneggiare nulla]
Sono stato fortunato a smontare e rimettere a posto quanto segue:
- C14
- C11
- Un altro C11
- Paramount GT-1100S
- Celestron CGE
- Grattare 20 specchi concavi da 4.25 a 16 pollici di diametro
- Trovare bugs in vari software astronomici, segnalarli, e farli sistemare
Certo, certo, per carita' c'e' sempre un po' di fortuna di mezzo, ma mi sembra che siano in gioco altri fattori oltre alla fortuna.


[L'utente afferma che e' stata fortuna togliere a caldo l'incollaggio]
Bingo. Questo e' il risultato di aver studiato ed essersi documentati, non di una botta di culo.

[L'utente commenta con sarcasmo sulle modifiche apportate dall'utente finale]
In ogni caso, molti telescopi commerciali da catena di montaggio sono malprogettati. Se si e' disposti a lavorare e documentarsi, si possono apportare miglioramenti anche considerevoli ad alcuni errori progettuali.
Il suo discorso sembra quello degli studi di commercialisti e contabili.
(Nota di NortheK: in USA pagare le tasse e' assai piu' semplice che in Italia e non e' difficile fare tutto da soli). Tu, povero meschino, non sei all'altezza di compilare le tue tasse. Manderai tutto in culo, capisci? Dammi retta, ti aiutiamo noi, saremo felici di aiutarti. In cambio di un piccolo onorario.... Certo non e' molto empowering per il contribuente, ma la ditta incassa.
Continuero' a fornire gratuitamente informazioni ai consumatori a proposito di tutti gli errori di progettazione e a presentare suggerimenti su come migliorare le cose. Io penso che sia una buona idea. Lei che ne dice?


[L'utente di cui sopra afferma che si puo' gestire il mirror flop senza smontaggio]
Ho bisogno di un po' di tempo per valutare l'incollaggio del primario alla cella. Vedremo se e' malfatto come parecchi Celestron che ho smontato. Quegli altri telescopi, da soli, mi danno ragioni sufficienti per smontare completamente l'OTA.... e il montaggio errato del primario puo' essere migliorato dal pincopallino che non sa nulla di meccanica.
E il suo discorso prescinde da quell'odioso anello di ferro incollato alla culatta. Ora che ho smontato tutto posso liberarmene (pensi agli inadeguati cuscinetti a sfera della forcella LX-200 come si sentono sollevati). Questa e' anche una fonte di aria tiepida che crea problemi termici.
Se Meade ha fatto sto lavoro con un 12" LX-200 classic.... ummmm..... lo fanno anche con la serie ACF, per caso?


Daniela

"L'essenza della liberta' e' la matematica"

daniela
--
Posts: 515
Joined: Sep 25, 2008

Maxproject Team


Posted: Apr 28, 2009 10:53 PM          Msg. 4 of 25
[un utente della lista domanda: ma che ne pensi del proverbio "se non e' scassato non metterci mano?"]
Flop mirror di 5-7 minuti d'arco.
Quando si cambia direzione del fuoco, la manopola del fuocheggiatore doveva fare due giri completi prima che il fuoco iniziasse a muoversi. Ma.... dopo avere smesso di toccare la manopola.... il fuoco puo continuare a muoversi... e di parecchio! per... cinque secondi!!!!

io un affare cosi' lo chiamo scassato.

dopodiche' lo apro e trovo una porcata di anello di ferro nella culatta. Meno male che lo ho aperto. Trovero' altri problemi e vedro' di metterli a posto. Penso che molti di loro saranno simili a quelli che ho trovato nei Celestron su cui ho lavorato.


[L'operatore commerciale che offre servizi di "messa a punto" di operatori commerciali ha inviato un messaggio di congratulazioni sarcastiche, offrendosi anche di compilare la dichiarazione dei redditi.]
No grazie, a queste offerte abboccano solo i fessi.

[La stessa persona scrive che non consiglia all'utente medio di LX200 di provare a smontarlo]

Neanche io consiglio di smontare alla cieca, ma continuero' a rendere disponibili le informazioni, cosicche' gli utenti prenderanno le decisioni che meglio credono.... e prenderanno decisioni migliori perche' hanno piu' informazione. Questo e' positivo ed e' empowering.

Anche Lei potrebbe aiutare piu' efficacemente l'utente poco esperto in quella maniera.

Per esempio potrebbe offrire di rimuovere quell'inutile porcheria di anello di ferro quando effettua il servizio di "appuntinamento"
(Nota di NortheK: questo non e' l'effettivo nome commerciale del servizio) su questo tipo di telescopi.... soprattutto se l'utente ha intenzione di attaccarci dietro un ccd pesante / ruota portafiltri / fuocheggiatore esterno.... il che oggigiorno e' abbastanza consueto....

Ci si libera di quel peso morto che e' un carico inutile ai cuscinetti inadeguati. Ci si libera di quel peso morto e della sua inerzia termica che rovina le immagini stellari.

Offrire questa opzione e' una opportunita' win-win, un vantaggio per tutti, no?

Le auguro una giornata appuntinata!!!


Daniela

"L'essenza della liberta' e' la matematica"

zandor
--
Posts: 85
Joined: Sep 25, 2008

0


Posted: Apr 29, 2009 06:41 PM          Msg. 5 of 25
Be questo scambio di opinioni non fa altro che confermare quanto sia importante non temere di mettere le mani nei propri strumenti (con le dovute orecauzioni) e da questo punto di vista l'autocostruzione è un'ottima scuola....

0

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Apr 29, 2009 10:00 PM          Msg. 6 of 25
Noi in NortheK sosteniamo che l'utente deve avere padronanza assoluta del proprio telescopio, quale che sia, è infatti ridicolo vedere quegli astrofili che non effettuano - per esempio - la collimazione perchè hanno paura di rompere lo strumento.
Il telescopio va osservato con attenzione, va capito e padroneggiato in tutti i suoi gradi di libertà. Solo **** solo **** in questo modo si potrà utilizzare al meglio lo strumento!
Chi tiene il telescopio in una teca di vetro adorandolo e riempiendolo di complimenti, ma guai a toccarlo, guai a collimarlo, guai a vedere un granello di polvere sulle lenti, è tutto fuorchè un astrofilo. E' un collezionista di telescopi......
Maxproject

0

daniela
--
Posts: 515
Joined: Sep 25, 2008

Maxproject Team


Posted: May 6, 2009 02:56 AM          Msg. 7 of 25
[L'operatore commerciale commenta che sta diventando uno scontro e una questione personale e ribatte che molti utenti non sono in grado di smontare lo strumento.]

Aiuti la gente a liberarsi di quella porcheria di anello di ferro.
Tanti telescopi incrociano il suo banco di lavoro. Lei conosce i fatti. La maggior parte degli utenti no.
Non nasconda la verita'. Dica ai clienti che c'e' un inutile anello di ferro dietro ai loro telescopi.
Utenti piu' intelligenti, piu' preparati, piu' esperti - e' un'ottima cosa.
Faccia la sua parte in questa campagna, grazie.


Nota di NortheK: noi la pensiamo come Tom e stiamo facendo la nostra parte in questa campagna, come potete leggere.

Daniela

"L'essenza della liberta' e' la matematica"

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: May 27, 2009 11:08 PM          Msg. 8 of 25
Questo argomento riportato in piccolissima parte da Daniela, è stato - dopo alterne vicissitudini - fatto smettere dalla lista Meade Uncensored (!!!), Rod ammette che ha avuto molte lamentele e molte pressioni dai commercianti.
Possiamo quindi dedurre - a prescindere dallo strumento in oggetto - che i produttori per primi sanno ovviamente che standard qualitativo forniscono all'utenza, uno standard che non corrisponde in molti casi al prezzo richiesto. Ma questa è una politica Meade che non sta a noi giudicare.
Quando avranno riempito il mercato mondo di questi prodotti cosa si inventeranno? Qualche schema ottico miracoloso c'è da scommettersi, in modo da spingere ad un ulteriore ricambio dei telescopi da perte degli utenti piu' "sensibili".
Noi siamo fermamente convinti che - ad esclusione di ristrettissimi campi di applicazione neanche poi tanto amatoriale - non sia il caso (se non per ragioni strettamente commerciali) - avventurarsi in schemi per riflettori decisamente esotici.
Effettivamente un amatore medio da un classico SC, RC,CS,DK o Newton ricava tutto quanto gli occorre per qualunque tipo di lavoro.
E' importante condividere o non condividere questo punto di vista, perchè da qua nascono le nostre scelte di ottimizzare al massimo ogni schema in modo da dare all'astrofilo il massimo della fruibilità del proprio telescopio. E' importante, molto importante per chi considera il telescopio un bene durevole e non un accrocco da quattro soldi tutto colorato........ Un telescopio è uno strumento di precisione, che deve portare al massimo dei risultati in funzione del suo schema e del suo diametro.
Siamo contrari a soluzioni che progettualmente non hanno un senso e forse danno anche un metro della preparazione dei progettisti (vedi anello di ferro), di celle che ballano con dentro i dischi di vetro, che poi ci si affanna a trattare con super sistemi multicoated ecc ecc ecc. (ma non era meglio fare una meccanica di contenimento minimamente decente?) Ha ragione tom quando dice che alla fine se vuoi uno strumento minimamente funzionale te lo devi smontare e modificare.......Qui non si tratta di parlare bene o male di un telescopio, quanto di far capire che se si cercano prodotti che non siano "mordi e fuggi" sono ben altri i parametri a cui riferirsi e il vecchio discorso di valutare sempre con attenzione cio' che ci viene proposto è fondamentale.
Maxproject

0

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Jun 3, 2009 02:53 PM          Msg. 9 of 25
In SCT users, Tom Krajci:

Che cosa ho trovato di primo acchito smontando un 8-inch LX-200 classic.
Dopo aver rimosso grassocolla cinese dal paraluce interno e dalla
cella, il gap misurato tra il diametro esterno del paraluce e il
diametro interno dello specchio e' 0.003 pollici. Bocciati.

Controllo di un giro dell'allineamento del primario (ha fatto fare un
giro del cielo alla montatura) mostra disallineamento di circa 10
arcmin. Bocciati.

Rimosso il primario dalla cella - nastro adesivo da decoratori risulta
essere il principale supporto laterale del primario. Il nastro adesivo
e' cosi' lasco che lo specchio e' scivolato via dalla cella senza
sforzo. Bocciati.

Purtroppo questo e' il risultato tipico di tutti i Meade SCT's.


La nostra risposta, ad ora non pubblicata sulla lista:

Dear Tom,
my experience in the lab has been comparable to yours and to other
readers'. The play between the baffle and the primary hole is 0.8mm
and I have documented instances of SCTs with greater discrepancies.
This tolerance is utterly inapt, as ordinarily one would work at 0.1
or 0.2 mm tolerance, interposing a thin film of elastic rubber-like
material that prevents the glass from lateral displacements. If we
consider that those instruments owe their precision (or lack thereof)
only and exclusively to the primary hole and to the precision of the
baffle that holds everything, we can well understand the coarseness of
the design. Ordinarily one would also employ side supports that keep
the center of the baffle coincident with the mirror center (that is to
say, if one does a workmanlike job, with the center of the secondary
mirror and the corrector plate too, as well as with the focuser
aperture and the focuser itself)
These small solutions, given also the large numbers of OTA being
produced, are easy to implement and cheap, and their absence speaks
volumes.
Masking tape is for decorators and not for precision instruments.
Ciao
Massimo




0

skymap
Posts: 155
Joined: Oct 11, 2009


Posted: Mar 7, 2011 12:18 AM          Msg. 10 of 25
Ripesco questa vecchia discussione.

Adesso ho capito la storia dell'anello in ferro dopo aver visto una foto, ci vuole fantasia a definirlo un anello perchè a me sembra uno scarto di fonderia

http://img835.imageshack.us/i/mak3.jpg/



Ma fare una ciambella rotonda in ferro mandava in fallimento il budget ? questi assemblavano telescopi andando per rottame.

(L'immagine proviene dal sito di un astrofilo che l'ha avuto in prova, non so se è permesso fare nomi.)

Cerchiamo di vivere in modo tale che quando moriremo perfino il becchino sia triste.
Mark Twain

massimoboe
--
Posts: 335
Joined: Sep 25, 2008

Owner - NortheK Accademia


Posted: Mar 7, 2011 12:30 AM          Msg. 11 of 25
A dire la vertià si passa per cattivi, a far finta di non vederla si passa per fessi.

Ma le asinate servono forse a far capire a qualcuno che è già stato marchiato come pecora da tosare........confidando nella sua buonafede ed onestà.

Massimo

0

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Mar 10, 2011 12:13 AM          Msg. 12 of 25
Siccome fare un anello al tornio costa 50 cent + il ferro, questi hanno preso una barra e l'hanno scaldata e poi piegata.
Quando si dice inventiva o genialità, chiamatela come volete, ma questi sono strumenti destinati agli astrofili evoluti, c'è di peggio.

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Roberto Coleschi
Posts: 10
Joined: Mar 21, 2010


Posted: Mar 10, 2011 08:38 AM          Msg. 13 of 25
A me sembra un’anomalia considerare queste “soluzioni” come del tutto normali e legittime in uno strumento Meade/Celestron, solo perché trattasi di strumento mass-market. La mentalità, appartenuta anche a me e che lentamente sto rivedendo, che comunque si debba accettare ogni sorta di trabiccolo al limite dell’utilizzabilità, perché comunque se si vuole il massimo bisogna rivolgersi ai bravi artigiani oppure ai marchi di grande prestigio mi sembra discutibile, ma è dura a morire presso una buona maggioranza di appassionati. Così, mentre si criticano giustamente ed apertamente le scelte costruttive di un artigiano riguardo ad uno strumento fotografico che forse non performa a dovere, nessuno si sofferma a pensare che bisognerebbe osservare i propri strumenti “consumer” con maggiore senso critico…

skymap
Posts: 155
Joined: Oct 11, 2009


Posted: Mar 10, 2011 10:09 AM          Msg. 14 of 25
Io faccio fatica a pensare cosa ci sia di peggio di una sorta di scarto di fonderia usato come contrappeso interno.

Vero che il suo sporchissimo lavoro lo fa, vero che lo vedrà solo chi smonta l'ottica e gli altri nemmeno lo sapevano, ma si tratta pur sempre di uno strumento che costava qualche migliaio di dollari (da noi alcuni milioni delle vecchie lire) e non del telescopio a fascicoli della deagostini.
Un pugno di dollari per mettere un anello di ferro con aspetto decente non mandava in aria il bilancio del produttore, questo è proprio lavorare con pressapochismo.

Cerchiamo di vivere in modo tale che quando moriremo perfino il becchino sia triste.
Mark Twain

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Mar 10, 2011 12:38 PM          Msg. 15 of 25
Quando noi parliamo di "pecore da tosare" lo facciamo non per sberleffo verso i clienti di questi prodotto (che a rigore NON sono tenuti a sapere cosa c'è dentro un tubo del telescopio), ma proprio vogliamo spingere sul tema che viene venduta ferraglia a prezzi altissimi.
Sono strumenti (i 200 mm) che in origine costano forse 300 dollari. Come è possibile pensare che questo sia uno strumento tecnico? Due gomme di una macchina costano uguali e vengono prodotte in milioni di pezzi a ciclo continuo.
Ecco perchè il nostro parere è che l'astrofilo evoluto o no si deve informare e deve capire bene un po' la tecnica strumentale. Poi le contingenze economiche sono un discorso personale, ma a prescindere da questo ciascuno deve sapere prima che un telescopio mass market da 2000 euro o più è uno strumento da 500 dollari o più, non dopo quando lo ha aperto.
Un produttore serio, come noi reputiamo di essere, non riempi il web e i deplian o le riviste di foto ad effetto, fatte da astroimager con strumenti settati appositamente e con la squadra di contorno....., ma bensì cerca di spiegare ogni dettaglio del proprio prodotto, in modo tale che il cliente si fa una idea abbastanza chiara di quanto viene proposto. Poi se vorrà comperare....
Il fatto del telescopio fotografico che ha mostrato una progettazione arcaica e di fortuna, è comunque stato scoperto aprendolo, ma il cliente perchè non lo ha fatto aprire quando lo ha ritirato? E se lo ha fatto quali sono stati suoi pensieri in quel momento?
Guardiamo un forum popolare e vediamo che l'unico argomento nella parte strumentale sono gli SC nei vari marchi, sigle e diametri. Davvero c'è così tanto da discutere? e di cosa? e di quali mirabilie nascoste? Questo è lo standard amatoriale medio.........

Maxproject


Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Edited by maxproject on Mar 10, 2011 at 12:39 PM

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Mar 10, 2011 10:00 PM          Msg. 16 of 25
Non ci sono dubbi pero' che anche la strumentazione artigianale va analizzata sotto la lente in ogni sua componente.
Se no Roberto come potremmo spiegare due strumenti identici come diametro, schema e rapporto focale, uno a 2700 euro e uno a 6000? C'è qualcosa che non va.........bisogna chiarire bene cosa intendiamo per strumento artigianale, noi lo intendiamo come cura nel dettaglio tecnico e qualitativo non come costruzione a numeri limitati, perchè in quest'ultimo caso un cinese è piu' che sufficiente.
Aprite i telescopi! fatevi spiegare il perchè e il percome di ogni scelta.............senza paure e senza timori, se non siete convinti non comperate!

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Mar 10, 2011 10:00 PM          Msg. 17 of 25
Non ci sono dubbi pero' che anche la strumentazione artigianale va analizzata sotto la lente in ogni sua componente.
Se no Roberto come potremmo spiegare due strumenti identici come diametro, schema e rapporto focale, uno a 2700 euro e uno a 6000? C'è qualcosa che non va.........bisogna chiarire bene cosa intendiamo per strumento artigianale, noi lo intendiamo come cura nel dettaglio tecnico e qualitativo non come costruzione a numeri limitati, perchè in quest'ultimo caso un cinese è piu' che sufficiente.
Aprite i telescopi! fatevi spiegare il perchè e il percome di ogni scelta.............senza paure e senza timori, se non siete convinti non comperate!

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Mar 20, 2011 11:49 PM          Msg. 18 of 25
Attenzione: in questi mass market e in molti telescopi "artigianali" emerge chiarissimo il concetto che si gioca sulla scarsa conoscenza dell'utente.
Se no come si potrebbe pensare di rendere vendibile un prodotto con caratteristiche da giocattolo a migliaria di dollari o euro?

Questo è il nocciolo, e su questo NortheK batte con insistenza, sapere vuol dire acquistare sereni e con consapevolezza, piu' i clienti sono consapevoli, piu' i produttori di second'ordine vengono emarginati e sono destinati a scomparire, con beneficio di chi ha la giusta preparazione professionale ed industriale ,e in ultima analisi , con grande beneficio del cliente.

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Administrator
--
Posts: 35
Joined: Sep 16, 2008

0


Posted: Jul 28, 2011 03:43 PM          Msg. 19 of 25
Per i curiosi, l'utente chenping non voleva parlarci di telescopi budget ma proporci i suoi consigli per gli acquisti riguardo a borsette e accessori per signora.

0

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Jul 28, 2011 09:48 PM          Msg. 20 of 25
L'utente cheping appartiene alla schiera dei deficienti che ogni tanto impestano il nostro forum, appena abbiamo gli alert interveniamo, ma a volte passa qualche ora sufficiente a piantare casino. Ovviamente questi miserabili sono come le pulci sul cane: inevitabili.

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)
 
Page 1 of 2 Go to page: · [1] · 2 · Next

 

Time: Mon November 19, 2018 2:00 AM CFBB v1.4.0 31 ms.
© AderSoftware 2002-2007