Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Argomenti generici di astronomia pratica »FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA »Mai dare per scontata la qualità in un brand famoso.
Author Topic: Mai dare per scontata la qualità in un brand famoso. (56 messages, Page 2 of 3)

massimoboe
--
Posts: 338
Joined: Sep 25, 2008

Owner - NortheK Accademia


Posted: Apr 14, 2014 09:53 PM          Msg. 21 of 56
E' un bel passatempo! Frank o gioca a golf o fa fotografie...........


max

Agli ingegneri piace risolvere i problemi. Se non ci sono problemi sottomano, gli ingegneri li creeranno.
Scott Adams, Il Principio di Dilbert, 1996

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 14, 2014 10:18 PM          Msg. 22 of 56
E si devo riammettere che questo tele mi sta intrigando, voglio proprio metterlo a punto.
Cerco di lavorare lentamente, non voglio far finire troppo presto il gioco.

Un blocchetto di alluminio lisciato e adattato al meglio che si può fare a mano è operativo da un paio di settimane. Per adesso sembra abbastanza stabile stiamo a vedere.

La verniciatura sembra buona e decisamente contribuisce a renderlo elegante. L'estetica in questo tele è la cosa meglio riuscita, a me piace molto.
Guardandolo + da vicino quello che stona sono le parti in alluminio al naturale che non sono all'altezza del resto.
Meglio precisare che queste sono osservazioni ininfluenti su questo tipo di prodotto.

Franco

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 15, 2014 12:52 PM          Msg. 23 of 56
Mi sono accorto di aver dato x scontato alcuni fattori.
Spendo ancora un post sul truss.


foto34



Ho disegnato sopra la foto 34 in rosso, scusate la qualità, dove si scarica la
forza di chiusura esercitata dall'eccentrico.
Del blocchetto abbiamo già discusso.
Il punto 1 e 2 sono abbastanza critici, per come è costruito il “porta tubo”,
passatemi il termine.


foto 35



L'interno, foto 35 non è sagomato per appoggiare al tubo ma è a 90°, e le finiture
sono le stesse del blocchetto.
Il tratteggio, foto 34, indica approssimativamente il tubo che una volta compresso
lavora solo nei punti 1 e 2.
Paradossalmente se ben eseguito il tutto, cioè con le giuste inclinazioni e
finiture superficiali, una volta messo in tiro il sistema vi resterebbe anche
rilasciando il tirante. Questa è una supposizione, parzialmente confermata
dal blocchetto lisciato che anche col tirante sganciato non sembra spostarsi.
Ma è ancora presto x tirare le conclusioni.

Franco
Edited by Frank on Jul 2, 2015 at 06:42 AM
Edited by Frank on Jul 2, 2015 at 06:50 AM

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 16, 2014 08:53 PM          Msg. 24 of 56
Comincio a pensare che chi ha progettato questi particolari forse
è stato un po' troppo ottimista.
Peccato, perchè mi piaceva questo soluzione, ma andrebbe rifatta completamente.

Saluti

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 18, 2014 08:45 PM          Msg. 25 of 56
Parte 4°.

Faccio una piccola premessa, non vorrei che qualcuno pensasse
che disprezzo questo tele. Sono contento di averlo acquistato e
lo sto usando con grande soddisfazione. Guardare con uno specchio
da 18” è un vero spettacolo. Sono amareggiato, questo si, per la
poca cura riposta nella costruzione, a parte la soluzione definitiva x il
truss che non so ancora quantificare, + avanti vi dirò quello
che ho speso x le modifiche che già lo rendono funzionale,
resterete con l'amaro in bocca. Bastava poco.

Foto 36:



Nella foto 36 vedete le due casse che compongono la base.
La scelta del costruttore di utilizzare questo tipo di scorrimento
in elevazione è ottima visto il risultato. Il tele si muove con
una “Dolcezza” e precisione molto buona.
Finora non mi è mai capitato di avere quella fastidiosa sensazione di
molleggio quando centro il target.
Anche il movimento di rotazione è ottimo,perfettamente fluido.
direi che i movimenti sono la parte migliore del telescopio.

Foto 37:


Il materiale utilizzato per lo scorrimento non so cosa sia
ma funziona benissimo.

Foto 38:



La controparte sulla culla è piuttosto dura, credo sia Nylon o teflon caricato vetro

Foto 39:



Il movimento di rotazione funziona cosi bene che non mi azzardo
a guardare dentro fino che non ci sarà un motivo valido.

Foto 40:



Anche in questa parte qualche problemuccio è emerso.
La scelta di fare due casse completamente svincolate costringe
a qualche fatica l'utilizzatore.
La movimentazione è veramente difficoltosa la cassa contenente
il primario, compreso lo specchio, pesa circa 40 Kg, la base non
ricordo esattamente ma è leggera. Togliere lo specchio per alleggerire
non è cosa semplice a causa del sistema a cinghia.
Da solo riesco con grande fatica a infilare la cassa sulla base.
Anche x due persone è poco agevole muoverlo.
Quindi prima di acquistare un Dobson come questo pensate bene se riuscite a
movimentarlo da soli.
Utilizzo il tele a casa quindi non ho necessità di smontarlo,
a seconda del terrazzo su cui lo uso, a volte non serve neanche
togliere il secondario.
Ho costruito un carrellino, foto 41, su cui appoggio il tele utilizzando
la whellbarrow, cosi da poterlo muovere in casa.

Foto 41:



Ecco come il costruttore ha dato prova di sè.

Foto 42:



La maniglia è per cassetti, molto elegante, ma inadatta è
fatta x lavorare in orizzontale non in verticale e fa male alle mani.
Come vedete dalla foto è pure molto vicina all'encoder rendendo
ancora + difficoltosa la presa.

Foto 43:



Ti pareva se le 4 + 4 viti delle maniglie non uscivano dall'altra parte.
Per ora ho solo sostituito le viti con altre 8 di giusta misura,
naturalmente inox. Sto cercando delle maniglie adatte, la difficoltà
maggiore è trovarle che almeno coprano i buchi delle precedenti.

Dicevamo sopra dell'optional whellbarrow, Una gran comodità, dovrebbe
essere in dotazione al tele e non optional vista la mole. Permette di movimentare
il tele senza il truss e secondario in tutta sicurezza, io sposto anche tutto montato
con molta cautela e per pochi metri, il rischio è che il tutto scivoli in avanti
fuori dalla culla con....... non voglio neanche pensarci.
Anche se l'idea è buona la cura della realizzazione non altrettanto.

Foto 44 e 45





In pratica sono stati usati degli occhielli filettati x fermare il braccio
al tele, fino qui a parte estetica e praticità niente di male, il problema
è che le porte normalmente sono 80 cm di larghezza. Il tele con gli
occhielli arriva ad 81 cm

Foto 46 e 47: dopo modifica





Un lavoro di soli 30 minuti,pur dovendo modificare l'esistente, con un effetto
estetico e pratico notevole, ora la larghezza e 73 cm. Bisogna mirare
bene ma ci si passa dalla porta. Che magra figura, per un tozzo di pane.

Foto 48: tele su carrello.



Qui si vede bene il carrello su cui poso il tele, per poterlo
movimentare in casa. La cariola è troppo ingombrante è
lunga circa 1,6 m dalla parte opposta alle ruote sporge x
750 mm e si rischia di inciampare.
Faccio notare che senza la cariola posare il tele sul carrellino
sarebbe un'impresa.

Fine quarta parte.

Franco
Edited by Frank on Apr 18, 2014 at 08:52 PM
Edited by Frank on Apr 27, 2014 at 09:01 AM
Edited by Frank on Jul 2, 2015 at 07:08 AM

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 19, 2014 04:58 PM          Msg. 26 of 56
Alcuni di questi ultimi dettagli ancora mi mancavano.
Però mi sembra che almeno le ruote della cariola siano di buona fattura.
L'importante è anche divertirsi a sistemare tutti questi particolari.
Che vuoi farci, a volte ci si perde in un bicchier d'acqua.

Saluti e buone feste.

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 20, 2014 07:47 AM          Msg. 27 of 56
Si vedi bene le ruote sono ottime, il costruttore non è lo stesso del tele.
Tutti commettono degli errori, ma questo è un esempio di errore sistematico che farebbe impallidire un prof. di fisica. Sistematicamente atto a spendere meno possibile.

Franco
Buone feste a tutti.
Edited by Frank on Apr 20, 2014 at 08:25 AM

enrico
Posts: 178
Joined: Nov 1, 2008


Posted: Apr 21, 2014 09:45 PM          Msg. 28 of 56
Ciao Franco
mi sembra di capire che questo strumento sta facendo crollare come un castello di carte tante dicerie sui telescopi non solo dobson. Interessante analisi, quanto ti è costato se si può sapere?

Enrico

Not Only Changing looks, But Changing Lives.

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 22, 2014 07:09 AM          Msg. 29 of 56
Ciao Enrico, le dicerie sono appunto dicerie e come tali vanno considerate. Quello che dovrebbe far riflettere è il lavoro che occorre x valutare qualsiasi tele, ti garantisco che di tempo ne occorre parecchio. Quante volte mi è capitato di leggere, in riviste varie, all'inizio di un test
" Non ho avuto molto tempo x testare questo tele " ecco appunto allora sarebbe meglio stare zitti e finire il lavoro invece di dire stupidaggini.
Sto usando questo tele da quasi 3 mesi e ancora arrivano sorprese, figuriamoci cosa si può capire in una sera. In questo momento sto " Giocando " con questo tele e quello che mostro vale x questo esemplare, che il "pressapochismo" sia diffuso non mi pare un mistero. Se poi qualcuno si compiace dell'acquisto e non lo usa è problema suo.
Non voglio tirare conclusioni adesso è ancora presto, ho ancora molto da scrivere.

Franco

enrico
Posts: 178
Joined: Nov 1, 2008


Posted: Apr 22, 2014 12:06 PM          Msg. 30 of 56
A ma sono tutti esperti, fanno test e li pubblicano in 24 h.

enrico

Not Only Changing looks, But Changing Lives.

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 22, 2014 11:07 PM          Msg. 31 of 56
Quinta parte.

Proseguo con un “Problema” che rasenta la comicità.

Il tele, come avete visto nelle foto precedenti della culla, non possiede
alcun tipo di frizione, pertanto il bilanciamento deve essere piuttosto
preciso. Ecco cosa si sono inventati.

Foto 49: contrappeso.



Il sistema di contrappesi fornito come optional, consta di 3 tubi di alluminio
come quello in foto 6 tappi in gomma x chiudere le estremità 4 fascette metalliche
e 2 collari x tubi con 2 viti.
Al primo sguardo mi era parsa una buona soluzione semplice economica e ….....
e non funziona.

I tubi vanno riempiti con materiale in modo da farli pesare il tanto che serve
per equilibrare. Due vanno fissati al tele con le fascette come da foto 50

Foto 50



Il terzo andrebbe anche lui posto sotto il tele però agganciato con i collari,
per i quali sono previsti 2 fori su cui imbullonarli,
in modo da metterlo e toglierlo al bisogno, ok ma quanto pesante ?
Nella foto 51 vedete la prima soluzione che ho escogitato ma è durata poco.

Foto 51



La scomodità è a dir poco irritante quanto semplice è la soluzione.
La prima sera ho agito come previsto dal costruttore la seconda già
avevo il tubo come in foto 51. Andare a mettere e togliere il tubo
al buio manovrando molto vicino allo specchio scusate ma mi è sembrato
autolesionistico oltre che scomodo. Poi si poneva il problema del peso,
ricordate che il movimento è molto ( fortunatamente ) dolce e sensibile.
Passando da un oculare all'altro con differenze a volte di oltre un Kg,
il tele non stava fermo. O bilancio x per un oculare o per l'altro, non
posso stare, con la bilancia in mano, a vuotare e riempire il tubo a
seconda di cosa uso.

Ecco la soluzione foto 52, niente di + semplice.



Ho utilizzato i due tubi fascettati x equilibrare i componenti aggiunti in
maniera definitiva e il braccio con i pesi per equilibrare cio che si mette
nel fuocheggiatore. Da tutto aperto a tutto chiuso riesco a compensare senza fatica e in
pochi secondi tutta la serie di oculari con o senza Barlow, da mezzo Kg. a 2 Kg
La soluzione è piuttosto artigianale, se fosse stata costruita appositamente
si sarebbe potuto fare qualche cosa di piu' elegante.
Ho mantenuto i collari, ormai sono li, poi non si sa mai, magari compro
un oculare di piombo e allora.......

Viene questo dubbio, a volte, ma chi costruisce i tele ne ha mai usato uno ?


Posto anche questa, dato che era in primo piano sopra.

Foto 53



Il connettore della ventola è opera mia, dal costo di ben 30 centesimi,
manco quello hanno messo.

Fine quinta parte.

Franco
Edited by Frank on Apr 22, 2014 at 11:36 PM
Edited by Frank on Jul 2, 2015 at 07:16 AM

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 26, 2014 05:42 AM          Msg. 32 of 56
Agg. parte 4°.
Sono riuscito a trovare le maniglie, non sono esattamente quelle che volevo, ma fanno il loro lavoro.
Un piccolo prezzo da pagare è il peso, anche se di alluminio, comprese viti si arriva a 270 grammi l'una contro 47 grammi l'originale.
Esteticamente le preferisco, sia x le proporzioni che x il colore.




Franco
Edited by Frank on Jul 2, 2015 at 07:18 AM

Andrea Maniero
Posts: 914
Joined: Dec 26, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 26, 2014 04:25 PM          Msg. 33 of 56
Sto seguendo con interesse questo argomento fin dall'inizio ,

mi sto' chiedendo perché ipoteticamente dovrei acquistare questo Dob e non magari per puro esempio uno Skywatcher di pari diametro ad un costo enormemente inferiore visto che il pressapochismo con cui e' stato realizzato non ne giustifica di sicuro il prezzo tantopiu' se poi ci devo pure mettere le mani per ovviare a "leggerezze" costruttive del tipo che ho visto .

Che siano poi problematiche legate al solo esemplare in questione ho i miei forti dubbi ma personalmente non accetterei che una Ferrari su cento avesse dei difetti dato il prestigio , il nome e la popolarita ....a certi prezzi !

Mi meraviglio che ; per anni si sia scritto che gli strumenti NortheK siano CARI a causa della loro peculiarita' meccanica e che ; per anni si siano taciute ( e ancora si tacciono) le magagne di strumenti che molte bocche larghe considerano strumenti meravigliosi !


Tornando alle recensioni ed ai test strumentali stendiamo un velo pietoso su quello che si legge o si e' letto poiché come ben detto da Frank e' impensabile testare uno strumento in una serata , due serate , tre serate !

Se testassero aerei , navi , auto , missili con tre test a quest'ora ci sarebbero piu' cimiteri che citta' , io stesso ho condotto per quasi 2 anni test di ogni tipo su uno strumento NortehK in tutte le circostanze possibili per l'astrofilo che si possa trovare egli stesso nel deserto Australiano , come a Londra come al Polo come nell'umida foresta amazzonica per spulciare ogni possibile magagna che lo strumento potesse evidenziare in certe situazioni .

Pero' questo thread mi demoralizza parecchio e mi vien da dire che ho visto dei telescopi trapaner costruiti in modo molto piu' "attento" .

" quando non riescono ad attaccare il ragionamento allora attaccano il ragionatore "

" L'invidia e' quel sentimento che nasce nell'istante in cui si assume la consapevolezza
di essere dei falliti " ( O. Wilde ) "

" La frustrazione fa pensare di essere sempre perseguitati e insultati " . ( Anonimo )

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 26, 2014 08:43 PM          Msg. 34 of 56
In effetti, ci sono rimasto parecchio male anch'io, ma ciò non toglie che
nelle mani di Frank diventerà un'ottimo strumento per l'osservazione,
anche se avrebbe già dovuto esserlo da subito.
A me gli strumenti Northek non sono mai sembrati cari, per quello che offrono.

Ma nelle maniglie originali, si riusciva a far entrare la mano ?

Saluti

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 27, 2014 07:46 AM          Msg. 35 of 56
Andrea mi permetto di un solo commento al tuo post, la meraviglia di cui parli è normalità.
La setta delle bocche larghe e teste vuote consta di una nutrita schiera anche nel nuovo mondo.
Purtroppo tale setta non conosce crisi di vocazione.

No non ci passavano proprio Salvatore. Non lo avevo detto perchè lo ritenevo un mio problema,
disponendo di due badili. Ieri sera, dopo il tuo post, ho fatto una prova ho chiesto a mia moglie di provarle e le sue mani passano di misura.

Ragazzi avrò mica comperato un tele x signorine ?

Franco

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 27, 2014 12:16 PM          Msg. 36 of 56
Visto, anche le mogli servono a qualcosa.
Ma questa prova quanto ti è costata ?

Saluti

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 30, 2014 12:32 AM          Msg. 37 of 56
Parte 6°: Big Big Problem.

Per gravità fa a gara col problema del truss.
Avevo notato durante l'uso come un ondeggiamento dell'oculare, al buio
non era facile capire se era reale o meno.
Decido di fare qualche prova, ed ecco che ci risiamo.
Metto il tele in verticale, il laser al posto dell'oculare caricato con dei pesi x simulare gli oculari.

Foto55



Ho simulato gli oculari che + uso, C.Axiom 31mm, Pentax 40 mm, e Meade 56mm.

Foto56-57



Foto58-59



Piazzato un foglio millimetrato sopra il primario, veramente il passo è
2 mm, per lo scopo + che sufficiente, comincio le misure.
Qui veramente mi cadono le braccia.
Ecco il risultato del test.
Quello che vedete in foto 60 è il movimento del laser partendo da fuocheggiatore tutto
dentro a tutto fuori per ogni condizione come da tabella sotto.
Ho segnato solo i punti per comodità, la congiungente dei due o tre punti è il percorso
del punto laser.

Foto 60



Legenda x foto 60:

A= fuocheggiatore tutto dentro
B= fuocheggiatore tutto dentro caricato col peso
H= fuocheggiatore tutto fuori caricato col peso
Da 01 a 07 tele in verticale.


01 senza carico solo tutta escursione della messa a fuoco.
02 simulazione 56 mm 2" 520 grammi
03 simulazione 40 mm 2" 410 grammi
04 simulazione 40 mm 2" 410 grammi con Barlow 2X
05 simulazione 56 mm 2" 520 grammi con Barlow 2X
06 simulazione 31 mm 2" 1410 grammi con Barlow 2X
07 simulazione 31 mm 2" 1410 grammi
08 simulazione 31 mm 2" 1410 grammi tele posto a 60°
09 simulazione 31 mm 2" 1410 grammi tele posto a 30°

Attenzione le ultime due posizioni il tele non è in verticale

Mi pare evidente che così non è accettabile.

Per questo post mi fermo qui, così chi vuole può ragionare
sulle problematiche che portano al risultato sopra.

Faccio solo due precisazioni:
Questo fuori asse potrebbe in fortunata coincidenza compensarsi con il fuori
asse casuale del truss, in pratica quasi sempre si somma anche se non linearmente.
Altra cosa, non date troppa importanza alla misura esatta dello spostamento,
importante è la tendenza al variare del carico e della leva oltre allo
scostamento massimo.

Segue.

Franco
Edited by Frank on Apr 30, 2014 at 12:46 AM
Edited by Frank on Jul 2, 2015 at 07:23 AM

oreste
Posts: 63
Joined: Aug 22, 2011

son mi da vecio


Posted: Apr 30, 2014 12:41 AM          Msg. 38 of 56
Ma se in A (fuocheggiatore tutto dentro) e B (fuocheggiatore tutto dentro col peso) hai uno spostamento, il problema potrebbe risiedere nello scafo del laser che flette e nella piastra in cui è fissato il fuocheggiatore, che se è tutto dentro non si dovrebbe muovere.
Mentre H vedo uno spostamento laterale, cosa significa questo?

Oreste

A dir la verità basta un coion, a dir busie ghe vol un bricon

Frank
Posts: 249
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 30, 2014 12:54 AM          Msg. 39 of 56
Giusto due precisazioni, per togliere ogni dubbio:
Il laser non flette.
Il laser durante la serie di misure non è stato spostato, in ogni caso ho imparato a mie spese
ad avere un riferimento per inserire il laser sempre nella stessa posizione.

Oreste sei saltato troppo avanti, concentrati sul punto 01 che è già un bel mal di testa.

Franco

oreste
Posts: 63
Joined: Aug 22, 2011

son mi da vecio


Posted: Apr 30, 2014 01:00 AM          Msg. 40 of 56
Escludendo il laser e parlando del punto uno è una flessione del corpo fuocheggiatore/piastra di sostegno.

Ora bisognerebbe capire i 6 mm sotto a quanto corrispondono di spostamento sopra al centro del fuocheggiatore. Come si fa il calcolo? Il fuocheggiatore cryford ha di suo sempre un gioco, hai provato a rifare la misura chiudendo la vite di blocco sotto il fok?

Oreste

A dir la verità basta un coion, a dir busie ghe vol un bricon
 
Page 2 of 3 Go to page: · 1 · [2] · 3 · Prev · Next

 

Time: Thu April 25, 2019 11:57 PM CFBB v1.4.0 47 ms.
© AderSoftware 2002-2007