Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
Viewing User Profile for: Surveyor
About Contact
Joined: Jun 18, 2011 12:43 PM
Last Post: Jun 18, 2011 03:55 PM
Last Visit: Jun 18, 2011 03:57 PM
Email: planets.surveyor@gmail.com


View User Blog
Send Private Message
Post Statistics
Surveyor has contributed to 3 posts out of 7819 total posts (0,04%) in 2,711 days (0,00 posts per day).

20 Most recent posts:

Qualche tempo fa' seguii un utente in un forum , possessore di un Dobson piuttosto importante in quanto a diametro , emerse dai suoi commenti un continuo di inviti ad osservare in una particolare localita' chiamata Tre Cime , localita' che probabilmente gode di caratteristiche interessanti, dal punto di vista della tranquillita' atmosferica .
Tale invito era indirizzato ad alcuni astroimagers planetari che lamentavano la scarsa idoneita' dei loro siti all'imaging planetario .
Questo sedicente "astroimager" dobsoniano forse non teneva conto che mal si addicevano i suoi inviti alle necessita' prime di un astroimager che sono si l'avere un seeing idoneo ma anche le necessita' di essere quanto prima operativi , in ben precisi momenti e senza complicazioni meccaniche derivate da difficolta' di collimazione , fuoriasse ottici e non ultimo la possibilita' di operare comodamente anche in condizioni termiche difficili quali il periodo invernale .
Mi spieghi questo signore ad esempio come sia possibile seguire e documentare con riprese video ed immagini il semplice transito di ombre o satelliti se cio' mi comporta 2 ore di macchina per andare e 2 per tornare dal mio domicilio , senza contare il tempo per l'approntamento di tutto il setup ottico , senza prendersi un giorno di ferie? Teniamo conto che questi fenomeni si possono ripetere anche un giorno dopo l'altro e recarsi a 100km di distanza senza la certezza assoluta di un seeing impeccabile e' una strada difficilmente percorribile a lungo per qualsiasi astroimager che si rispetti .
Semplicita' e precisione meccanica che permettono una fast operation in ogni momento sono quanto di meglo si possa desiderare nellHi-res planetario .

Ciao


Le Bob's sono notoriamente piu' comode ma ne piu' precise ne sicure , in oltre un sistema di blocco che assicuri una tenuta della collimazione durante le ossevazion/acquisizioni e' d'obbligo in qualsiasi sistema ottico che si rispetti .
Cio' non e' presente in molti telescopi di fascia commerciale ne tantomeno in blasonati SC dal costo di alcune migliaia di euro , mancano perfino semplicissimi fan per la termostatazione ottica avendo gia' di serie alcune feritoie per il ricambio dell'aria .
Il progetto SC e' molto vecchio ma ancora permette di irretire molti potenziali utenti , un restyling di tutta la filiera produttiva per immettere sul mercato una strumentazione con soli pochi accorgimenti meccanici migliorativi costerebbe troppo e sarebbe controproducente in un momento di crisi mondiale come l'attuale .
Anche gli accessori , i raccordi meriterebbero un discorso apposito dato che in commercio circolano molti manufatti di dubbia precisone .

Ciao


Salve ,

seguo da tempo i vostri interventi di carattere tecnico ed anche critico , trovando in questo forum un grado di preparazione , conoscenza ed onesta' intellettuale imprevisto se confrontato con i contenuti che si possono leggere nei piu' comuni forum popolari .

Sono un astroimager planetario di lungo corso , uno di quelli ( tanti ) che preferisce starsene fuori dai forum , nell'ombra per così dire , che pero' legge e segue ciò che viene scritto dai numerosi astrofili in ambito di astrofotografia planetaria .
Non potevo esimermi , dopo aver letto quanto sopra , ad intervenire riguardo non solo all' argomento che qui si stà trattando , ma anche a riguardo del basso grado di preparazione tecnica strumentale di alcuni astrofili , (come gli stessi autori dell affermazioni di cui sopra) , emerso dai loro interventi .

Tuttavia e' incontrovertibile la superiorita' di un diametro maggiore possibile in ambito astrofotografico finchè l'utilizzo di tale diametro rientra all'interno di tutta una serie di specifiche condizioni che gli permettono di operare al massimo del suo potere risolutivo ,
queste sono molteplici e vanno come ben sappiamo dalla qualita' ottico /meccanica al sito osservativo al grado di preparazione della persona che gestisce le variabili e pochi punti in percentuale a sfavore dell'uno o dell'altro possono compromettere il risultato finale .
Dai commenti letti negli interventi di ben due forum popolari nazionali , è palesemente emerso che la scelta strumentale è stata dettata , per alcuni , da motivi prettamente economici non potendo accedere a strumentazione ben piu' avanzata e conseguentemente piu' costosa , per altri , per motivi di imolazione con astroimager famosi , con la mera illusione di poter un giorno arrivare ad essere altrettanto famosi , per altri ancora la motivazione e' stata il poter dare un contributo scientifico ( il Wesley impact ad esempio e' stato fotografato anche con strumenti di soli 90mm! ) ottenibile esclusivamente con determinate aperture strumentali , in fine quelli che acquistano per puro hobby per realizzare immagini artistiche non curandosi di cio' che andranno ad acquistare tanto poi prima o dopo finira' su Astrosell , questi "facoltosi" forse non tengono conto che il poter spendere non significa saper spendere in modo intelligente , ma ognuno giustamente spende come vuole chi legge poi trae le proprie conclusioni .

Motivazioni di puro contenuto tecnico a tali scelte non ne sono emerse se non dai "critici " i quali senza obbiettare sulle potenzialita' dei cm hanno invece evidenziato tutta una serie
di fattori in grado di limitare le capacita' operative di diametri medio-grandi .
Un astroimager planetario puntera' ad avere a disposizione quante piu' serate operative possibili e il meno limitate dal seeing , cio' dopo aver eliminato nella maggior quantita' possibile ogni elemento deleterio dal punto di vista termo/meccanico dalla sua strumentazione , fuori asse , giochi sui raccordi/accessori ecc.. scegliendo quindi uno strumento in grado di garantire la maggior affidabilita' operativa possibile per il piu' lungo arco di tempo permesso poi anche dalle condizioni meteo .
Rinunciare ad alcuni centimetri centimentri a volte ha i suoi vantaggi magari ne spiego il perche' dal mio punto di vista nel prossimo post altrimenti via annoio !

Ciao Surveyor


Time: Sun November 18, 2018 8:48 AM CFBB v1.4.0 32 ms.
© AderSoftware 2002-2007