Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
Viewing User Profile for: nuvolablu
About Contact
Joined: Apr 16, 2014 09:31 AM
Last Post: Sep 8, 2014 05:23 PM
Last Visit: Sep 8, 2014 05:23 PM


Send Private Message
Post Statistics
nuvolablu has contributed to 18 posts out of 7819 total posts (0,23%) in 1,678 days (0,01 posts per day).

20 Most recent posts:
METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Sep 8, 2014 05:23 PM (Total replies: 55)

Buon di Emilio , Ti lascio la mia E-mail

Simoneippy62@gmail.com

Scrivimi che vediamo cosa possiamo fare .

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Jun 5, 2014 11:08 AM (Total replies: 55)

buon giorno a tutti
chiedo scusa per la mia latitanza ma dove abito non ho.la linea adsl (per il momento) quindi riesco a collegarmi solamente in determinati momenti !

Frank mi fa davvero piacere che ritorni in terra connazionale sarebbe fantastico incontrarsi anche perché avrei un sacco di domani da farti personamente al di fuori di questo argomento; Ora per quanto riguarda le curiosità credo che la temperatura interna della sonda sia comunque un dato.utile per conoscere a che livello hanno viaggiato le schede elettroniche interne durante l'esperimento poi dato che é un sensore già incluso tanto vale lasciarlo , sul tempo di volo tutto sta alla resistenza del pallone e alla sua elasticità che determina poi la quota massima con l'esplosione .


Rispondendo anche a Salvatore ( buon giorno anche a te ;)) esatto più il.volo è lungo.maggiore é la distanza tra il.decollo e l'atterraggio ma a una condizione molto particolare che viene determinata dalle Jetstream ovverole correnti a getto che soffiano in quota oltre i 10000 metri ad alta velocità ,parametro che puó essere controllato per fare una previsione di atterraggio stimata ,ovviamente se le correnti quel giorno sono fortissime si rimanda o.si anticipa il lancio per evitare di andarlo a raccogliere a centinaia di km .

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO May 30, 2014 06:36 PM (Total replies: 55)


--- Original message by Frank on May 30, 2014 12:03 PMBuona sera Franco ,

Heheheheh te le studi di notte per proporle di giorno =)

Ora rispondendo seriamente alle tue domande

- Rilevare la temperatura interna della sonda è stato molto utile per capire quanto la coibentazione sia stata efficace anche se ad una certa quota mancando l'aria e quindi molto rarefatta anche il calore interno si mantiene meglio in quanto la densità dell'aria funge anche da conduttore quindi meno ne abbiamo e meglio si conserva questo poco calore; Calore importantissimo per la durata delle batterie che si mantengono meglio ad una temperatura prossima o superiore allo 0C° .

L'accelerazione in G della sonda purtroppo lo si ha solamente in valore numerico e istantaneo a livello di video , non l'abbiamo inserito per non rovinare troppo l'immagine ( se ti interessa te lo faccio avere , anche perchè se non ricordo male non è un granchè interessante mi sembra abbia raggiunto 0,6g al decollo e -1,3g nel momento dello scoppio del pallone ) .

Per la velocità di salita vedila cosi : La sonda Lady01 pesa 1,905 kg e il pallone è congio con un traino di 3,350 kg (per vincere la forza di gravità e farlo salire a una velocità di 5/6 metri/s ) , gonfiato cosi' la casa prodruttrice del pallone lo da ad una quota massima di 25Mila metri (quota determinata sempre dalla dilatazione massima del pallone prima del punto di rottura) ; Ovviamente io questa quota la posso superare con lo stesso pallone se alleggerisco la sonda e gonfio quindi di meno il pallone dato che ha meno peso da sollevare la quota sale perchè si dilata molto meno . Gonfiandolo molto meno pero' bisogna tener conto che sale anche ad una velocità inferiore i 5m/s e quindi viaggia molto di piu' con i venti facendo un volo molto piu' lungo .


Per quanto riguarda il tempo e la quota non c'è limite dato che dopo aver superato i 10mila metri per l'aeronautica non ci sono piu' problemi .

Spero di averti chiarito le idee =)

Simone
Edited by nuvolablu on May 30, 2014 at 06:38 PM

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO May 30, 2014 10:18 AM (Total replies: 55)

Buon giorno a tutti ,
chiedo scusa per l’enorme ritardo nel pubblicare i dati ma ho avuto diversi imprevisti !
Dunque ecco un resoconto dettagliato:



Partiamo dalla quota. Il grafico mostra le rilevazioni dell’altimetro durante il volo di Lady01 partendo da 275 metri sopra il livello del mare (Cavaglià) e raggiungendo una quota massima di 21676 metri ( quota massima determinata dallo scoppio del pallone ) .
Notate come nel grafico si vede la velocità di salita della sonda , la si puo’ interpretare con la maggiore pendenza della linea la quale mostra inizialmente una velocità di salita bella sostenuta circa 5/6 m/s
mentre una volta entrati nella fascia di Ozonosfera a 15000 mila metri, si verifica una rallentamento del rateo di salita; dato registrato sempre dall’altimetro che indicava un rateo ascensionale di 4/5 m/s .



Arrivati alla quota massima di 21676 metri alle 9:48:17AM ,determinata appunto dallo scoppio del pallone quindi dalla dilatazione massima dello stesso per la pressione atmosferica quasi assente, inizia la discesa che inizialmente per causa dell’aria molto rarefatta non trova resistenza e quindi ad una velocità è molto elevata .
L’altimetro registra una calo di quota anche di 50/65 m/s con un picco massimo di 76 m/s .



Successivamente come avete visto nel video, il paracadute ha iniziato a dare la giusta portanza rallentando di parecchio la sua discesa fino a circa 7 m/s di velocità media , accompagnando Lady01 in un morbido e bagnato atterraggio.




La temperatura registrata dai sensori di Lady01 risulta essere molto interessante in quanto mostra la prova che la sonda ha attraversato la fascia di Ozonosfera , e che la coibentazione interna era di ottima efficacia .



Siamo partiti con un clima bello mite e la strumentazione riscaldata dal sole ha accumulato un calore nella fase dei preparativi , appena decollati però inizia la discesa termica come vedete nel grafico .
Piu’ vertiginosa risulta essere quella esterna giustamente portandosi su valori negativi anche a doppia cifra , la cosa interessante è appunto la prova che Lady01 abbia attraversato l’Ozonosfera. Lo si nota da quando la temperatura esterna non corrisponde piu’ alla tendenza inversamente proporzionale con la quota, ma nonostante questo in lady01 continua a salire la temperatura anziché continuare a scendere.
Raggiunti i -36.6 ad una quota di 16000 mila metri la temperatura sale anche velocemente , il motivo è molto semplice si chiama OZONOSFERA .

Al suo interno ci sono diverse particelle che hanno una composizione diversa rispetto a quelle dell’aria sottostante e filtrano in modo sostanzioso i raggi UV che risultano essere dannosi per la nostra salute , questi infatti vengono riflessi in parte fuori dalla sfera di Ozono e in questo processo le molecole di questa particolare composizione si surriscaldano parecchio mostrando appunto un deciso incremento termico .
Quello registrato da Lady01 è di circa 20 C° in 6000mila metri , questo significa che lo strato di Ozono locale sopra di noi è in ottimo strato e fa bene il suo lavoro .
Internamente Lady01 era al “calduccio”con una temperatura minima di pochi gradi sotto lo 0.
La temperatura piu’ estrema tra dentro e fuori è stata registrata prima di entrare in Ozonosfera con -36.6C° esterni e +14.9C° interna , ben 51.0C° di differenza .
In ogni caso non abbiamo avuto la formazione di ghiaccio da nessuna parte in quanto a quella quota l’aria risulta essere completamente priva di umidità.

In questo grafico ho voluto mettere a confronto tutti i dati rilevati da Lady01:



Grazie per l’attenzione
Simone Ippolito

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO May 15, 2014 08:43 PM (Total replies: 55)

Buona sera a tutti ! Abbiate fede , stiamo arrivando con tutti i dati!

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO May 5, 2014 12:54 PM (Total replies: 55)

I raggi UV possono addirittura fondere il poliutirene quindi più si protegge la sonda meglio viene conservata!

La scheda meteo rileva i dati interni e esterni (scatoletta nera in alto )

Se vai su Google e scrivi Garmin Virb ne hai da leggere fino allo svenimento

Ci tengo a ricordarsi che per i primi metri di caduta SJ possono raggiungere i 300km orari .

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO May 5, 2014 08:59 AM (Total replies: 55)

Buon giorno , ecco alcune foto della Lady



Nella prima foto si vede la sonda come sarebbe pronta al lancio , nella parte superiore si notano le corde (8) che collegano il payload alla fune del paracadute tramite un moschettone in acciaio ;Lady é fatta interamente di materiale espanso rigido (isolante per sottotetti) rivestito con una pellicola riflettente color oro per proteggerla dai raggi UV che potrero danneggiare la struttura .

Nella parte superiore potete osservare un "Foro" l'occhio supervisiore superiore di Lady che filmerà tramite la GoPro Hero2 il pallone e l'apertura del paracadute nel rientro .




Le altre immagini mostrano la strumentazione interna composta da 2 GPS per il recupero di Lady è una scheda per la rilevazione di tutti i dati meteo durante il suo volo .




Nello stadio più basso invece "l'ultimo" verrà alloggiata una seconda telecamera Garmin tutto il panorama .
Questa fantastica telecamerà pero' non filmerà solamente ma sarà una sorta di computer di bordo con la rilevazione dei seguenti parametri : Accelerazione positiva e negativa in G - Altimetro - Telemetria con una frequenza di aggiornamento di 5Hz - Orientamento polare - Velocità - Km percorsi - Dislivello totale e per finire tutte le varie medie dei valori appena citati .


Se avete qualche curiosità o domande non fatevi problemi a chiedere =) spero di rispondervi tempestivamente il prima possibile .
In questi giorni abbiamo molte cose da verificare ancora prima del lancio ; Tra l'altro da oggi parte il permesso NOTAM emesso da ENAC .


Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO May 2, 2014 10:59 PM (Total replies: 55)

Buona sera Salvatore !
Stiamo finendo di fare gli ultimi briefing sulla strumentazione di bordo , tra breve carico delle foto dettagliate sulla sonda Lady01 cosi che vi fate un'idea della sua struttura interna/esterna .

Il lancio é previsto intorno al 10/11 maggio ma resta pur sempre una data provvisoria influenzata dal meteo e sopratutto dei venti in quota le cosi dette correnti a getto "jet stream"

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 19, 2014 11:18 PM (Total replies: 55)

I sensori soni sempre quelli della scorsa missione con pressione altitudine temperatura e umidità poi abbiamo un'altro sensore con accelerazione in g negativa e positiva .

Il pallone é interamente in lattice ! :)

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 18, 2014 11:04 PM (Total replies: 55)

Immagino !
Certamente a suo tempo appena avrò l'occasione sicuramente verrò!

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 17, 2014 11:36 PM (Total replies: 55)

Fantastico ! No purtroppo non ci sono ancora stato , ma spero di andarci presto .
Sicuramente acrai avuto la possibilità di percepire delle belle scosse di terremoto .. arriva tanta cenere da dove abiti tu salvatore? Nel senso si può stendere la biancheria tranquilli oppure meglio stendere al chiuso?

Per il prossimo lancio sperjamo di raggiungere almeno i 30 mila per un complessivo di circa 3 ore tra salita e discesa , Lady viaggerà a circa 300 metri al minuto ma indiscesa i primi 10 minuti viaggerà anche a 70/80 metri al secondo !

Poi man mano si avvicina alla superficie si frena sempre di più grazie alla portanza e alla resistenza che il paracadute fa sull'aria facendo poggiare negl'ultimi metri la sonda delicatamente a terra .

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 17, 2014 12:14 PM (Total replies: 55)

Aaaaa ora ho capito , quella é la scia di un'aereo che é transitato sotto !
Noi le scie degli aerei siamo abituati a vederli dal basso verso l'alto e vederli in quella situazione fa effetto vero?

Come precisione il programma ha un'errore di circa 1 kmogni 50 km lineari .
Noi per sicurezza ci prendiamo sempre 5 km di buono e tracciamo un cerchi sulla cartina !

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 17, 2014 09:51 AM (Total replies: 55)

La sveglia del primo mattina :) .... l 'oggetto che vedi viaggiare davanti alla telecamera é il resto rimanente del pallone che viaggia in discesa insieme alla telecamera ancora collegato al paracadute tramite la fune!

Per quanto riguarda il lato assicurativo Frank non esiste la possibilità di assicurare la missione ma rispondiamo noi personalmente come prima persona se provichiamo danni a terzi !

In ogni caso con il programma di previsione si nota già subito se finisce su un centro abitato o in zona disabitata!

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 17, 2014 08:17 AM (Total replies: 55)

La possibilità che il pallone vada perso sono 1/10 perché il sistema che c'è a bordo nel modulo Gps lavora su 2 frequenze diverse appunto per sicurezza se si dovesse bloccare una scheda interviene l'altra e la possibilità che vanno in avaria entrambe é molto rara.

Nella missione precedente purtroppo non abbiamo raggiunto la quota desiderata di 30km ma solo 13,5 km, in quanto il pallone é scoppiato di molto in anticipo a causa del ghiaccio che si era formato sul pallone portato dalla pioggia durante il decollo , avevamo solo più un giorno per lanciare visto che ci vuole un permesso NOTAM dall'Aeronautica abbiamo lanciato lostesso ;
E stata recuperata poi a 20 km dal punto di decollo , esiste comunque un programma di calcolo per la previsione dell'atterraggio della sonda ,per questo si può decidere in base i venti in quota "le jet stream" correnti a getto che soffiano anche a 300 km/h di rimandare il lancio o lanciare quindi scegliendo le condizioni migliori .

In alcuni casi potrebbe atterrare anche centinaia di km dal punto di decollo!

Per ultimo i costi possono arrivare anche a 1000€ se si deve costruire la sonda da 0 e equipaggiarla al meglio!

Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 16, 2014 11:58 PM (Total replies: 55)

I sismografi di N.E sono molto semplici da assemblare e a loro volta hanno una buona prestazione ; Sono anche interfacciabili via PC per avere il segnale in digitale al posto che l'analogico su stampante termica (a mio parere più bella da vedere la registrazione) però a sua volta richiede manutenzione mentre con il digitale non esistono questi "problemi" .
Puoi trovarli sul sito di FuturaElettronica Salvatore, hanno tutto il kit con la scheda e il manuale a poche centinaia di euro!

Frank sarebbe fantastico ! :) certo che si , domani scrivo a Massimo almeno ci possiamo sentire , eventualmente se ci sarà la possibilità sarebe bello potervi avere ospiti in osservatorio un giorno!


Per quanto riguarda il progetto "Lady01 Project" quest'anno Max ci sponsorizza la nuova missione , la seconda per la verità come avrete visto nell'immagine Northek .
Si tratta di un pallone in lattice, 3 metri di diametro gonfiato con circa 8000 litri di Elio .
Il tutto collegato ad una fune con attaccato sotto il Payload ,al suo interno ci sono diversi sensori che andranno a rilevare i dati meteorologici ad una quota di 30 km - qualità dell'aria quindi inquinamento Co2 ,irraggiamento solare e quindi lo stato della fascia d'Ozono che ci protegge dai raggi UV ultravioletti dannosi per noi ,temperatura ,pressione e altezza .
Tutti questi dati vengono archiviati in una memoria interna di Lady01 con una frequenza di 1Hz.

C'è un secondo stadio con 2 rilevatori Gps i quali invieranno la posizione della sonda per il recupero dopo il rientro sulla superficie terrestre.

Non mancheranno anche 2 telecamere che registreranno immagini in HD del panorama e che dire ... speriamo vada tutto a buon fine !

Potete visualizzare il video della 1°a missione di Lady01 a questo link :


http://m.youtube.com/watch?v=TfIScyBKXM4


Se volete sapere altri dettagli non esitante a chiedere :)

Buona serata
Simone

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 16, 2014 07:16 PM (Total replies: 55)

Grazie Salvatore !
Ma il merito va anche a Max che mi ha coinvolto dando mi la possibilità di creare questa sezione !

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 16, 2014 07:14 PM (Total replies: 55)

Quote: Ciao Simone, complimenti ti sei attrezzato davvero bene.
Sbaglio o quelli della seconda foto sono i sismografi di nuova elettronica ?

Franco
--- Original message by Frank on Apr 16, 2014 04:42 PM
Buona sera Frank ,
Grazie ! Si si confermo sono i sismografi di Nuova Elettronica , i primi che ho preso e assemblato interamente da zero ; Sono discretamente prestanti e lavorano molto bene anche sui telesismi provenienti da migliaia di km :)

METEOROLOGIA E ATMOSFERA. » PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO Apr 16, 2014 12:59 PM (Total replies: 55)




Mi chiamo Ippolito Simone sono di Cavaglià , un paese che si trova a 275 metri sopra il livello del mare e sono del 1990. Dal 2009 mi occupo di rilevazioni meteo e sismiche, tutto è iniziato dopo lo sciame sismico che ha interessato l' Abruzzo e l' Aquilano, tramite l' osservatorio meteosismico di Oropa con cui collaboravo già dal 2005 per quanto riguarda i dati meteo, mi sono indirizzato sulla strumentazione che occorreva per poter scurtare la terra nei suoi movimenti. Ho fin dall' inizio cercato di capire come funzionasse un sismografo in tutti i suoi principi e come fosse stato possibile rilevare e captare un' onda sismica che proveniente dall' altra parte del mondo e che noi umani non la possiamo percepire; i sismografi sono una strumentazione a dir poco pazzesca, in quanto riescono a sentire le vibrazioni del terreno, le inclinazioni che esso compie al passaggio di una perturbazione meteorologica, e anche quando il mare o l'oceano sono in burrasca.



Inizialmente ho istallato in cantina un sensore a livello amatoriale della N.E che nonostante il prezzo contenuto è funzionale al 100% , ci vuole molta pazienza e sopratutto voglia di imparare, per poi avere soddisfazioni in quello che si crea. Successivamente ho ampliato la stazione a 2 sensori per poter rilevare meglio ogni singolo evento.

L' 11 marzo 2011 fu una giornata particolare, tolto il fatto che un' intera nazione era messa in ginocchio, e sto parlando del Giappone, tutte le stazioni sismiche del mondo registrano una scossa di terremoto che è quella più forte di questo secolo e per le nostre generazioni, i sensori sembravano impazziti, in totale 9 ore di stampa su carta, più di 200 scosse superiori al 6° grado Richter, un' evento mai registrato prima.

Tutte le scosse registrate li archivio e imbusto in un raccoglitore ad anelli industriale, siglandole con i propri dati e orari di rilevazione, anno per anno, e compilando anche report mensili dei dati rilevati.

Con l' osservatorio d' Oropa mi sono sempre tenuto in contatto, grazie a Don Cuffolo Silvano, grazie a lui ho imparato a riconoscere e leggere un sismogramma, la sua distanza e sua intensità .

All' inizio del 2012 mi sono messo in contatto con l' Osservatorio Geofisico di Novara instaurando anche qui un rapporto di collaborazione che poi è sfociato nell' istallazione di un' ampliamento della rete sismica, mi è stato dato un sensore autocostruito con le caratteristiche simili ad un S13 , abbiamo deciso da subito di metterlo in funzione, però dovevamo trovare un posto dove poteva essere definitivo. La chiesa di San Michele a Cavaglià era il posto ideale grazie alla parrocchia che ci ha concesso corrente elettrica, linea ADSL per la messa in rete dei dati e la piena disponibilità nel realizzare questa stazione. Abbiamo scelto una chiesa per un motivo valido: le fondazioni struttura consistenti, permettendo cosi la migliore trasmissione delle onde sismiche. Sono stati 28 i giorni di lavoro che abbiamo impiegato per l' installazione del sensore, costruzione di un plinto di cemento armato e come capitello e base del sensore una pietra da 67 kg, una base in mattone per posarci sopra un pc e poi tutte le linee dei cavi sia di alimentazione che della linea di rete; ci sono voluti ben 2 mesi di settaggi per capire al meglio come rispondeva in quella posizione e adesso sembra essere settato al meglio.

15 settembre 2012 un' altro sensore è stato ultimato, installato in via Vercellone sempre a Cavaglià in un sotterraneo, questo sensore lavora a lungo periodo con la capacità di captare le onde lunghe (L in superficie), sono quelle onde che viaggiano molto lente e possono fare il giro del pianeta anche più volte in un forte evento. I miei obbiettivi sono stati raggiunti per la maggior parte in quanto adesso il paese di Cavaglià ha una stazione meteo sismica a disposizione di tutti i cittadini compaesani e non, questa stazione collabora a livello nazionale sia per il Meteo ma sopratutto quella sismica, sono soddisfatto anche di essere riuscito ad avere disponibilità da parte del Sindaco che ci ha dato una mano con le pratiche burocratiche, come anche la parrocchia.


Per quanto riguarda le rilevazioni Meteo ho installato 3 stazioni sul tetto dell'osservatorio per avere precisione migliore su tutti i dati , si tratta di 3 stazioni professinali Davis che lavorano in rete H24 con aggiornamento istantaneo ogni 5 secondi; Potete
VISUALIZZARE I DATI METEO IN DIRETTA A QUESTO LINK : http://stazionecavaglia.altervista.org/stazione-meteo.html
VISUALIZZARE I DATI SISMICI A QUESTO LINK : http://stazionecavaglia.altervista.org/index.html

Edited by nuvolablu on Apr 16, 2014 at 02:36 PM


Time: Sun November 18, 2018 8:36 AM CFBB v1.4.0 16 ms.
© AderSoftware 2002-2007