Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
Viewing User Profile for: maurizio
About Contact
Joined: Sep 25, 2008 05:54 PM
Last Post: Feb 21, 2015 03:25 PM
Last Visit: Aug 12, 2015 11:16 AM
Avatar:


Send Private Message
Post Statistics
maurizio has contributed to 143 posts out of 7834 total posts (1,83%) in 4,037 days (0,04 posts per day).

20 Most recent posts:
FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » Notizia curiosa Feb 21, 2015 03:25 PM (Total replies: 13)

qui ho trovato qualche notizia ulteriore:

http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.opticsinfobase.org/oe/fulltext.cfm%3Furi%3Doe-23-4-3928&prev=search

è la traduzione di questo articolo:

http://www.opticsinfobase.org/DirectPDFAccess/BCEB0BCC-F382-F796-3502B4F066F05466_311868/oe-23-4-3928.pdf?da=1&id=311868&seq=0&mobile=no

mi sembra di aver capito che si tratta di altissima tecnologia (superfici piane accopiate di pochissimi micron) che servono per unire sullo stesso piano focale 2 lunghezze d'onda.


qui ho trovato un'altra spiegazione sull'argomento:

http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.sciencedaily.com/releases/2015/02/150219144647.htm&prev=search

Per l'utilizzo in astronomia amatoriale penso che passerà ancora del tempo.

Maurizo


0
Edited by maurizio on Feb 21, 2015 at 03:32 PM

WELCOME IN NORTHEK » Auguri Dec 24, 2014 02:54 PM (Total replies: 9)

Buon Natale e Felice Anno 2015 anche da parte mia
Maurizio

0

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » Saturno del 15.07.2014 con 155mm Jul 24, 2014 07:18 PM (Total replies: 0)

sono trascorsi quasi dieci giorni dalle riprese e fra un ritaglio di tempo e l'altro, sono riuscito ad ottenere il mio piccolo saturno dopo 2 anni dalle mie ultime immagini ottenute sempre con la stessa strumentazione.



per un 155mm può andare?


0
Edited by maurizio on Aug 8, 2014 at 02:28 PM

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » luna calante: istantanea del 16/07/2014 Jul 23, 2014 11:39 AM (Total replies: 5)

ciao Max
sì è fatta con l'apo.
Della stessa serata ho anche riprese di saturno che sto esaminando.
Appena posso metto il risultato finale della migliore ripresa.

0

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » luna calante: istantanea del 16/07/2014 Jul 20, 2014 08:56 PM (Total replies: 5)

grazie per i commenti.

Andrea
ho scelto questo scatto singolo sui 20 che ho fatto perchè era l'unico che mi dava più dettagli su clavius.
Ho provato a sommarli tutti ma siccome il seeing per quanto buono in diverse immagini i dettagli su clavius erano un po impastati.
Il risultato finale non era all'altezza di questo singolo scatto.
Per quanto riguarda i filmati, avrei dovuto farli con la funzione taglio per avere la stessa risoluzione piena del sensore e quindi avrei poi dovuto fare un mosaico.
Fra un po, quando avrò finito di esaminare i filmati su saturno che ho fatto la stessa sera metterò l'immagine migliore ottenuta.

0

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » luna calante: istantanea del 16/07/2014 Jul 18, 2014 10:05 AM (Total replies: 5)

Rieccomi: dopo ogni mia uscita sul balcone di casa per osservare o riprendere col mio autocostruito, se ottengo qualcosa cerco di condividerlo.
Oggi ho una istantanea di luna calante del 16 luglio: seeing discreto ma si nota una leggera rifrazione atmosferica dovuta al fatto che non era ancora bella alta sull’orizzonte.
cliccare sull'immagine:
http://s18.postimg.org/vma47b09j/luna_5189_con_descrizione.jpg

Ho fatto anche qualche ripresa di saturno ma non ho ancora controllato i filmatini, se qualcosa avrò ottenuto nel limite del diametro strumentale lo metterò.
Saluti
Maurizio

0

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » Antares con piccolo strumento Jun 14, 2014 04:54 PM (Total replies: 3)

ottimo risultato Frank!
Ho letto delle modifiche che hai fatto al tuo strumento e devo dire che di impegno e lavoro ce ne hai messo parecchio; complimenti.


Gli sfarfallii della turbolenza coprivano la secondaria per la maggioranza del tempo della ripresa, soltanto con registax e astroart sono riuscito ad evidenziare la compagna in modo accettabile.

Prossimamente vorrei provare con altre doppie perchè queste prime due che ho fatto Sirio e Antares, per altezza sull'orizzonte e turbolenza sono state veramente al limite.

I prossimi obiettivi saranno Albireo, Gamma Andromeda per i colori ed Epsilon della Lira quando saranno alti sull'orizzonte così che almeno mi risparmio la rifrazione atmosferica.
Al momento tutto sospeso perchè ci sono in previsione diversi giorni di maltempo.
un saluto
Maurizio

P.S.: l'operazione all'occhio sinistro perfetta ma l'occhio destro dopo un anno e mezzo vedo
ancora tutto storto.... roba da denuncia. ''

0

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » Antares con piccolo strumento Jun 13, 2014 10:41 AM (Total replies: 3)

Altra serata deludente dal punto di vista del seeing.
volevo riprendere Saturno e la luna ma ho cestinato tutte le riprese e prima di smontare la strumentazione mi sono rivolto ad Antares:




un saluto

0

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » SIRIO B - con un piccolo strumento. Mar 16, 2014 10:19 AM (Total replies: 3)

ti ringrazio Frank, soprattutto per gli auguri riguardante al mio problema alla vista, anche perchè fra otto giorni devo essere operato anche all'occhio sinistro.
Questa volta saranno medici diversi in ospedale diverso, spero di non essere io il problema.

Maurizio

0

FORUM DI ASTRONOMIA PRATICA » SIRIO B - con un piccolo strumento. Mar 14, 2014 07:56 PM (Total replies: 3)

Ciao Massimo
Ti ringrazio per aver pubblicato la foto.
Questa immagine è uscita un po’ per disperazione in quanto è quasi un anno e mezzo che non osservo più con il telescopio a causa di una cataratta mal riuscita che mi fa vedere tutto storto dall’occhio destro (quello allenato per le osservazioni) ma anche il clima che è stato pessimo per mesi.
Quella sera il cielo era abbastanza limpido, cosa rara dalle mie parti, quindi decisi di piazzare il telescopio sul balcone qualche ora prima per farlo acclimatare.
Purtroppo però dopo le prime occhiate alla luna e giove mi resi subito conto che il seeing non mi avrebbe permesso di ottenere nulla di decente.
A quel punto per non smontare tutto senza aver fatto nessuna ripresa, punto su Sirio e con mia sorpresa tra uno sfarfallio muliticolore e l’altro dovuto alla rifrazione atmosferica e al seeing scadente, intravedo la debole compagna.
A quel punto faccio partire la fotocamera e realizzo qualche filmato, e il risultato, dopo le opportune elaborazione, è quello in foto.
Naturalmente mi sarebbe piaciuto vedere un’immagine da manuale ma le condizione del cielo non permettevano di più.
In ogni caso come prima uscita dopo tanto tempo, anche se non è una gran cosa, posso ritenermi soddisfatto.
Un saluto
Maurizio

0


Quello che a me ha lasciato meravigliato è il fatto che, avendo a disposizione tempo, macchine utensili di precisione e capacità, abbia dedicato pochissimo tempo al supporto del secondario.
Poteva benissimo farlo nel modo classico e da quel momento in poi non avrebbe avuto più dubbi sul comportamento del secondario col passare del tempo.
Molto probabilmente è convinto che il secondario incollato non gli farà mai scherzi strani.

0


Ciao Massimo
sicuramente dipende da diversi fattori; per esempio la precisione della superìfcie dove appoggia lo specchio, lo spessore uniforme di silicone, ecc..
Per togliersi qualsiasi dubbio basta un semplice test.
Bisogna avere però a disposizione una finestra ottica a facce piane parallele di provata qualità e vedere il comportamento delle frange di interferenza:

http://s29.postimg.org/dklg5cc1z/difetto_di_planarit.jpg

0


concordo in tutto però ho visto ancora un secondario incollato col silicone!
Dovrebbe fare un opportuno test per verificare che non ci siano tensione sul secondario.

0


ciao Gupise
a vedere i tuoi giove mi è venuto un forte crisi di astinenza da elaborazione planetaria.
E' orma più di un anno che a causa di una operazione di cataratta sbagliata vedo tutto storto dall'occhio che era allenato per le osservazioni astronomoiche; se poi ci mettiamo il lungo periodo di tempo inclemente nella mia zona fra nebbie, pioggia e seeing indecente ecco che in un attimo è passato un anno.
Ti chiedo se posso fare un po di allenamento con le tue immagini di giove per non perdere del tutto quel poco che avevo imparato e magari postarle qui nella tua discussione.
un saluto
Maurizio

0

TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA » Barlow e aberrazioni Oct 31, 2013 09:35 AM (Total replies: 5)

Ciao Gupise
si, così facendo riduci il fattore d'ingrandimento.
Portanto da 1.8 a 1.6 non dovresti riscontrare grosse differenze di resa.
Restiamo in attesa della tua prova.

0


Faccio riemerge questa discussione perché in questi giorni, girovagando per il forum, me la sono andata a rileggere.
Credo che Vellutino abbia frainteso il significato dei miei interventi; io non ho mai detto che un AS f.15 Zeiss sia un obiettivo da tenere in bacheca, anzi mi sembra di aver rimarcato che sono ottimi obiettivi.
Però non può dire che non si conoscono i vetri che compongono tali obiettivi; può cercare in rete e troverà anche altri commenti che dicono che i vetri sono quelli che ho indicato io.

Credo che lui non conosca i programmi di ottica perché certe affermazioni non le avrebbe fatte.
Conoscendo la focale di un doppietto, le curve e gli spessori inseriti in uno di questi software, dopo pochi tentativi si riesce ad individuare i vetri che lo compongono.
Molto più difficile invece individuare i componenti dei tripletti.

Lui sostiene si possa ottenere una correzione del 40% superiore solo con il rifrattore di tipo Steinheil, io dico invece che non è vero; infatti ottimizzando anche un Fraunhofer cde si ottiene la stessa correzione; vedi comparazione sotto di un AS 80/1200 che rigenerai per conto di Massimiliano Lattanzi contro un Fraunhofer con gli stessi vetri:




L’unica differenza che si può notare sono appunto i raggi di curvatura interni che sono meno spinti.

Questi obiettivi non sono più stati prodotti (non so dire la data della dismissione, forse gli anni trenta?) per la nascita di nuovi vetri che permettevano migliore correzione (es: special Kurz flint, Fluor crown, Phosfate fluor crown, Fluorite ecc.).

Inoltre agli inizi degli anni 60 Max Herzberger realizzò un lavoro eccezionale che permise la realizzazione di tripletti apocromatici senza necessariamente l’utilizzo di vetri speciali.

Infatti ultimamente, ho ripreso in mano il mio database dei vetri e ho fatto nuove elaborazioni escludendo di proposito i vetri a dispersione anomala e flint speciali, e con solo l’utilizzo di crown e flint ordinari sono riuscito ad ottenere parecchie combinazioni di tripletti con una buona correzione apocromatica a F. 15 e tirando un po’ anche qualche combinazione a F. 10-11.

Per questo secondo me gli AS sono ottimi rifrattori ma sono superati per tipologia di vetri e per l’approccio nella ricerca dei vetri che compongono un rifrattore apocromatico.

0

TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA » Oculari Oct 15, 2013 12:03 PM (Total replies: 54)

altre cose interessanti le trovate anche qui: http://www.telescope-optics.net/index.htm



Edited by maurizio on Oct 15, 2013 at 12:11 PM

TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA » Diaframmare Sep 22, 2013 10:10 AM (Total replies: 15)

Ciao Frank
ecco lo schema del 250mm



risulta una ostruzione del 22.4% e un campo non vignettato di 2.35mm.
Fai anche la prova con diaframma di 80mm perchè il foro dalla parte dell'oculare di 5mm va ad intercettare anche un campo vignettato.


0
Edited by maurizio on Sep 22, 2013 at 10:13 AM

TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA » Diaframmare Sep 21, 2013 03:24 PM (Total replies: 15)

Ciao Frank
Quando ho detto diaframma di 100mm per il newton da 400mm ho detto una misura accettabile già per osservazioni visuali.
Un diaframma di 54mm mi sembra un po scarso per poter fare buone osservazioni.

Ho fatto molto grossolanamente (con una proporzione) il calcolo del diaframma che avresti dovuto porgere davanti al 400mm per farlo equivalere al diaframma di 5mm posto nei pressi del fuoco.
Il diaframma posto davanti al tubo del newton equivalente a quello di 5mm posto nei pressi del fuoco (ho considerato 60mm) è risultato di circa 150mm.

Facendo la stessa cosa con il 250mm, che suppongo abbia una focale di 1200mm, il diaframma anteriore dovrebbe essere di circa 100mm per equivalere a quello di 5mm nei pressi del fuoco; quindi 54mm di tappo sono troppo pochi.


0
Edited by maurizio on Sep 21, 2013 at 03:25 PM

TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA » Diaframmare Sep 20, 2013 11:38 AM (Total replies: 15)

dovresti anche dirci quanto misura l'asse minore del secondario e di quanto esce il fuoco dal tubo
per avere il campo in piena luce corretto.
questo è uno schema di un newton da 400mm f. 1800mm con ostruzione del 21% con valori scelti da me:


tu dovresti dirci quanto è "E" e "D2" del tuo strumento.

Per quanto riguarda il diaframma, potresti farne uno che va davanti al tubo del telescopio con un foro decentrato di 100mm e sicuramente otterrai lo stesso risultato dell'oculare con diaframma decentrato.




0

Edited by maurizio on Sep 21, 2013 at 01:55 PM


Time: Mon October 14, 2019 6:44 PM CFBB v1.4.0 78 ms.
© AderSoftware 2002-2007